post lunghi e sporadici... un blog giustamente poco seguito

Questo blog è utile per:

  • prendere confidenza con i programmi di pubblicazione online
  • scegliere la piattaforma di blogging più adatta alle tue esigenze
  • imparare le nozioni base di WordPress
  • selezionare le applicazioni web essenziali
  • creare un blog con una veste grafica che privilegia la leggibilità
  • ragionare sulla qualità dei contenuti
  • altre cose che mi verranno in mente strada facendo
  • News in 140 caratteri

    Most Recent Articles

    #Cowinning, un progetto love cost

    pubblicato in Blog, Contenuti, Social

     
    ✽ A casa nostra, nel caffellatte non ci mettiamo niente: né il caffè, né il latte
    Mi viene sempre in mente questa battuta di “Miseria e nobiltà”,  quando penso a chi accetta compensi da fame in cambio di idee e contenuti per il web. Si può campare d’aria? La risposta è ovvia ma… è la crisi, bellezza. Prendere o lasciare. Se prendi, diventi un criceto che corre sulla ruota e,  per  sbarcare il lunario, devi produrre quanti più contenuti possibili nel minor tempo possibile. Se lasci, nessuno ti chiederà perché.  Dietro la porta c’è già qualcuno pronto a sostituirti. Eddai, togliti dai piedi!

     Cotto e scontato: un’offerta squallida
    I criceti del web incassano 6 euro (lordi) per un articolo di 300 parole. C’è chi dice basta alla svalutazione della professionalità e chi non ne fa un dramma: per quella misera tariffa il committente non si aspetta di ricevere contenuti di qualità. Si accontenta di  materiale passabile, se non mediocre, senza andare per il sottile con la sintassi, la grammatica, lo stile, la fantasia. L’importante è che sia cotto e scontato. E che i criceti continuino a far girare la ruota del web. Senza uscire dalla gabbia.

    Dal low cost al love cost

    Love cost | Linda berardi per #cowinning
     
    Esprimere uno sdegnato dissenso a questo triste stato di cose non risolve il problema. Occorrono idee, progetti, alleanze, movimenti per interrompere il circolo vizioso dello sfruttamento. Ed è possibile farlo. Perché questi tempi duri che stiamo vivendo hanno il merito di averci convinto a “riconsiderare risorsa qualcosa che prima sembrava un valore minore: le relazioni e la coscienza sociale” (cit. Michela Murgia). Grazie ai social network possiamo condividere di tutto, sostenerci e colmare le distanze. Disegniamo nuove geografie con montagne di risorse e oceani di passioni. La  passione è un bene prezioso nella vita, quanto nel lavoro. Tante passioni unite e ben ottimizzate, possono valere oro. Sono già tantissimi i professionisti “love oriented” che stanno applicando logiche di rete per dare un senso anche etico al proprio lavoro.

     #Cowinning, il successo di un gruppo vale molto di più di una vittoria solitaria

    Linda berardi per #cowinning

    Tutti abbiamo la possibilità di fare rete. Imparando a ragionare –e collaborare- in modo orizzontale si possono creare interessanti prospettive professionali. Io sto facendo tesoro dell’esperienza #Cowinning, un progetto che affonda le radici nell’esperienza di Rachele Muzio, una professionista della comunicazione lungimirante. A dicembre 2012 il suo blog, Webpersignore, si classifica finalista al premio Donna è Web.
    Rachele ha un’idea fulminante: trasformare la chance del podio nel trampolino di lancio di un progetto condiviso. In  48 ore di privatissimo delirio crea #Co-winning ® “progetto a costo zero o quasi, che non mette in circolo burocrazia e denaro bensì persone, prodotti e servizi innescando un circolo virtuoso di visibilità basata sulle relazioni”.
    Cowinning nasce in rete e utilizza tutti i canali della rete per esprimere la sua forza di comunicazione. I beni personali dei partecipanti al progetto -i blog, i profili sociali, le agende dei contatti, i fornitori di fiducia- diventano patrimonio comune e cowinning può offrirlo a chi vuole farsi conoscere nella rete e vuole dialogare con i suoi abitanti.
    Il talento e l’esperienza social di cowinning sono messi a disposizione di PMI, istituzioni, organizzazioni no profit, professionisti e di chiunque voglia essere presente sul web.
    Dato che le esigenze di comunicazione sono diverse, cowinning offre competenze diverse, servizi personalizzati e professionisti ben distribuiti sul territorio: Piemonte, Lombardia, Veneto, Toscana, Umbria, Lazio e, a breve, altre regioni.
    La condivisione di saperi e di risorse consente a #Cowinning di applicare tariffe molto ragionevoli ma mai cotte e scontate: il lavoro va trattato con rispetto. E affetto.

    ✽  #Cowinning Coming Soon
    Il lancio del progetto è imminente. Il debutto in società porterà come sempre un piacevole scompiglio e qualche turbamento tra ragione e sentimento. Io veramente mi sento già svenire… i sali, presto!
    Prima di crollare a terra, desidero ringraziare chi si è messo in gioco con #Cowinning senza sapere bene che roba fosse. In gergo tecnico si definiscono sponsor ma sono persone. Belle persone che da subito hanno dato fiducia a Rachele e dadicembre 2012 abitano in tanti luoghi della rete grazie a #Cowinning:

    Albergo Pietrasanta
    Blue Liguria – Cultura e Società
    Donatella De Paoli
    Le borse di Poppy
    Tangram
    Event Reporter
    Leggendaria
    SIL

    Grazie, grazissime anche a Linda Berardi, art director che crea parole meravigliose e ha messo a disposizione il suo talento per illustrare questo post.

    Se vuoi saperne di più di #Cowinning, segui le conversazioni dei blogger e aziende che ne fanno parte:

    RobiCopyZanella con Copywriter Input
    Rosa Giuffré con Futuro Semplice
    Veronica Gentili  con VeronicaGentili.com e Glisco Marketing
    Matteo Piselli con Ibrido Digitale
    Cristina Rigutto - TuttoSlide
    Beatrice Niciarelli - Nybe Comunication
    Riccardo Esposito - MySocialWeb
    Stefano Prevedel con WebKout
    Sara Stella con Fascino Rock
    il gruppo TreW composto da Katia d’Orta, Patrizia Soffiati e Maurizio Brandolini
    il gruppo Pennamontata composto da Valentina Falcinelli, Valerio Notarfrancesco e Francesca Mattia
    e, fanalino di coda, io!

    ✽ Ti ho raccontato tutto, ora passo a te la parola.
    Sei un professionista “Love-oriented”? Pensi che la filosofia love cost possa contrastare la politica dei prezzi stracciati? Le tue idee hanno valore, condividile con l’hashtag #cowinning.
    Grazie!

     

    continua...

    ASP

    pubblicato in Glossario

    Il termine ASP (Active Server Pages) definisce un linguaggio informatico mirato per i server Windows. Con ASP si possono creare  pagine dinamiche e interattive. I file di estensione .asp contengono codici scritti in Visual Basic o Java Script. Quando un browser richiede una pagina asp il server esegue i codici e restituisce una pagina HTML. Grazie alle pagine ASP si possono visualizzare e modificare velocemente contenuti dinamici, per questionari personalizzati e cataloghi.

    Torna all’indice

    continua...

    Avatar

    pubblicato in Glossario

    Nella mitologia induista avatara è l’apparizione della divinità, nell’universo di Internet avatar è il ritratto virtuale degli utenti. Si possono creare immagini avatar, tipo foto tessera, da utilizzare nei forum e nelle discussioni dei blog, oppure si possono creare sofisticati personaggi animati in 3D per vivere una vita parallela in un mondo virtuale, come per esempio Second Life.
    Per dovere di cronaca va detto che Avatar è anche il titolo dell’arcinoto film di J. Cameron (2009).

    Torna all’indice

    continua...

    Password: come renderle più sicure

    pubblicato in Blog, Strumenti

     
    Conosco tanta gente che usa la stessa password per accedere ai propri account online. I miei tentativi di dissuaderla vanno generalmente a vuoto. Evidentemente la vulnerabilità dei sistemi di sicurezza informatica è un argomento poco convincente. C’è chi dice che me la prendo troppo, soffro forse di mania di persecuzione?

    continua...

    Banda

    pubblicato in Glossario

    La larghezza di banda di un sito web è la capacità del server su cui risiede di trasmettere dati. È una caratteristica espressa in bit per secondo. Quando due o più utenti visitano un sito web in uno stesso momento, questi dividono l’accesso sul medesimo canale di trasmissione del server. A parità di condizioni (collegamento a internet degli utenti, dimensione della pagina web da caricare ecc) la quota della banda associata ad ogni utente determina la velocità di caricamento delle pagine web di un sito.

    Torna all’indice

     

     

    continua...